Share

Neanche il caldo riesce e fermare l’ondata di speculazioni sull’ambientazione del prossimo The Elder Scrolls. Le zone di Tamriel più quotate rimangono High Rock e Hammerfell, c’è chi parla addirittura della Calabria, il che non sarebbe certo una cattiva idea, ma la guerra all’ultimo pixel del trailer mostrato all’E3 sembra portare verso una direzione ben precisa.

Ovviamente non si conosce l’estensione della mappa del nuovo capitolo, ed è facile supporre che neanche i ragazzi di Bethesda abbiano una vaga idea di essa, ma gli appassionati si sono comunque fatti un’idea ben precisa della zona. Come detto in apertura, le più quotate, fin dall’inizio, sono state High Rock e Hammerfell, ossia i due territori a nord-ovest di Cyrodill e confinanti con Skyrim. Ma delle ultime analisi pare che Hammerfell sia la vincitrice della diatriba.

A sostegno di tale ipotesi fioccano analisi sulla conformazione della costa, del posizionamento del sole e relative ombre, del cratere che si vede nel trailer, e che potrebbe essere il risultato di una potente magia di un antico mago dell’Ombra, Azra Nightwielder, dove sorge l’omonima Azra’s Crossing. Le montagne sullo sfondo potrebbero quindi diventare quelle che circondano il deserto Alik’r.
Alcuni giorni fa ecco spuntare in rete l’ennesima tesi, la città, o insediamento, che potente notare nell’immagine a seguire, pare, nel suo profilo, molto somigliante a Sentinel City, visitabile in The Elder Scrolls Online (seconda immagine a seguire).

In più, il suo posizionamento sulla mappa di gioco di TES Online, fa supporre che il punto di partenza della visuale durante il trailer, sia approssimativamente nei dintorni di Volenfell (anche se personalmente la cosa non mi convince molto).

Troppe pippe mentali dite? Possibilissimo, però ricordiamo cosa sono stati in grado di fare i fan con la mappa di Fallout 76.