Share

Per la serie, “se vuoi una cosa fatta bene, fattela da solo“, pare che per creare la conversione per Nintendo Switch della Crash Bandicoot N. Sane Trilogy, sia bastato uno sviluppatore e un fine settimana. Ok, le cose non sono così semplici, ma la curiosa chicca arriva direttamente da Vicarious Visions.

Durante un’intervista all’E3 di quest’anno, alcuni sviluppatori di Vicarious Vision, la casa che si è occupata proprio della creazione del fortunato remake, ha svelato che le basi della conversione su Switch sono state gettate da uno solo dei loro ingegneri.
Durante un fine settimana, lo stacanovista di turno, si è dedicato alla conversione di uno dei livelli della trilogia, in modo da renderlo pienamente compatibile e fruibile con l’hardware di Switch. Trovata la chiave giusta per la conversione, non restava quindi che applicarla a tutto il resto del gioco, con le opportune verifiche e correzioni, così da garantire risultati rapidi e poco dispendiosi.

A differenza di quanto possano far credere sedicenti esperti videotubici, il processo di porting da una piattaforma ad un’altra non è mai semplice. Non tanto per il codice del gioco in sé, in quanto buona parte del processo si traduce in una ricompilazione attraverso tool appositi forniti agli sviluppatori, ma quanto a restrizioni riguardo standard qualitativi e prestazionali, richiesti dalle singole società che forniscono la piattaforma. Ogni gioco deve rispettare standard qualitativi tra i più disparati, che si tratti della grandezza dell’HUD o del font utilizzato per cover e manuali, e spesso i ritardi dei porting sono dovuti proprio alla disattenzione nel rispettare alcune linee guida che a prima vista appaiono marginali. Quindi sì, se si è fortunati il codice può essere adattato da una sola persona, ma per realizzare il porting completo, e per garantirne la conformità, ci vuole un bel po’ di tempo e lavoro.

Ma questa è roba accademica. Ciò che importa è che Crash Bandicoot N. Sane Trilogy sarà disponibile per Xbox One, PC e Nintendo Switch dal 29 giugno di quest’anno.