Share

Evolution Championship Series.
Meglio noto come EVO.

L’evento annuale per eccellenza sui picchiaduro, nato nel 1996 ma affermatosi solo nel 2000, è arrivato puntuale anche quest’anno, con la sua 18esima edizione.
Una catena di tornei mondiali svoltasi in tre giornate, su molteplici giochi, che continua a crescere di anno in anno, passando dalle partite su due sediette ed una TV da 20 pollici, in un capannone e con qualche decina di individui, ad un’arena enorme, piena di stand, postazioni e schermi giganti, e colma di migliaia di persone urlanti a Las Vegas.
Una serie che, ovviamente, non mi perdo da tantissimi anni, anche a costo di non dormire, visto il fuso orario americano che mi ha fatto finire le giornate alle 8 del mattino… e non ne rimpiango nemmeno mezzo secondo.
Per questo 2017, seppur le iscrizioni dei partecipanti siano state la metà del 2016 (l’anno del “boom” di SFV), le cose si sono EVOlute ulteriormente: 9 giochi principali, 16 secondari in salsa “anime” (AnimeEvo), prove e tornei dimostrativi su novità come Marvel vs Capcom Infinite, Dragon Ball FighterZ, Dissidia NT, o ancora il nuovo gioco di Arika, tornata alla riscossa – dopo anni di vuoto e un “pesce d’aprile” – dai tempi della vecchia saga spin-off “EX” di Street Fighter, da loro sviluppata e portata su PS1 e PS2… per non parlare dei tantissimi annunci e trailer!

E ovviamente tanto, MA TANTO HYPE!

Questa che segue, quindi, è un po’ la mia esperienza sull’EVO 2017… non diretta sul campo purtroppo, parlo delle tantissime ore passate a seguirla nei vari canali streaming… eheh, mammagari andarci, magari pure come partecipante… i sogni son desideri.
Comunque: se siete interessati all’evento appena passato, ai giochi, agli annunci, al genere in generale (cosa ho scritto) e al parere impopolare di un Pazzo qualsiasi, che dal 14 al 17 ha dormito molto poco, siete i benvenuti.

E resistete, o saltate quello che non vi interessa, come vi pare: non è poca roba.

EVO championship

Com’è giusto che sia, le cose sono iniziate in modo “calmo” il 14 Luglio (più o meno, vedremo dopo), con le varie qualificazioni, proposte su ben 9 canali Twitch per i “main” e altri ancora per i “side”, come Dragon Ball FighterZ e Dissidia NT, ma Capcom ha voluto subito mostrare qualche nuovo contenuto per il suo Street Fighter V… ovviamente di quelli Premium che cercano di forare i portafogli delle genti. Come? Facendo leva sulla nostalgia.

sfv nostalgic

Oltre al bundle annuale per il “Capcom Pro Tour”, con uno stage (Ring of Pride) e un costume di Guile scelto dal giocatore NuckelDu, ecco che arrivano i costumi classici per Alex e Ibuki da SFIII e per Juri da SSFIV, ma soprattutto il SUZAKU CASTLE, l’arena di Ryu dal secondo ed immortale capitolo della serie! Mannaggialloro…

Unico gioco che ha avuto sin da subito la sua finale, a causa dei “pochi” partecipanti (purtroppo), è stato The King of Fighters XIV… E non si poteva iniziare in modo migliore!

Primo EVO per il ritorno di KOF, uno dei miei picchiaduro preferiti di questa generazione (se non una delle mie serie preferite nel genere), e come “battesimo” si è comportato benissimo, con un finale dal grandissimo impatto. In tutti i sensi.
La qualità generale è stata micidiale sin dai pools. Sarà stato per il numero dei giocatori presenti? Non si sa. Si sa solo che cinesi e messicani (obbligatori su KOF) hanno dominato con delle grandiose giocate – e con tantissimi Benimaru, maestro delle combo da una barra -, ma sono stati i primi a spuntarla sui secondi (peccato, i messicani usavano MuiMui, la mia main), trasformando così la finale in una guerra civile asiatica tra E.T. e Xiaohai.
Personalmente puntavo sul secondo, ma, a quanto pare, il nome del primo non è a caso: un alieno.
Che maina Leona. E va benissimo.
Ma non era lei il problema… GORO DAIMON!
Fino ad allora poco sfruttato dallo stesso giocatore, ma eccolo lì, con combo e grab della madonna e una megagiocata finale che mi ha fatto pure gridare e alzare dalla sedia (anzi, dal divano), sia a me che a pubblico e commentatori in America!
COUNTER FANTASTICO IN CLIMAX… e tristezza infinita del povero Xiaohai subito dopo.
“DO NOT WAKE DADDY!”

Grandi emozioni dal primo giorno.

Peccato che poi non sia stato annunciato niente… ed è abbastanza “frustrante” come cosa, per non dire altro, visto che la stessa SNK parlò di un nuovo progetto che avrebbe fatto tornare un classico NEOGEO… poi il CEO con la maglietta di Samurai Shodown… certo, in effetti è stato annunciato, prima dell’EVO, l’arrivo di Samurai Shodown V Special su PS4, finalmente disponibile fuori dall’esclusività NEOGEO, ma… CHEPPAL- vabbè dai, li perdono… forse. Intanto spero che l’anno prossimo KOF venga riconosciuto maggiormente, vista la sua altissima qualità nel gameplay.

Ma tornando ai tornei: il secondo giorno ha visto, ovviamente, più finali in ballo, ovvero Guilty Gear Xrd Rev2, Super Smash Bros Melee e Injustice 2, senza dimenticare il side di Dragon Ball FighterZ, che, anche con 6 pg giocabili e un sistema di gioco ancora non troppo conosciuto ma molto accessibile, è riuscito a dare comunque dei bei momenti e delle belle partite. Anzi, faccio prima e linko un bel video con un collage di “hype moments” (si ringrazia il canale PS360HD).
La voglia di giocarlo che mi assale ad ogni pixel in movimento che vedo… aiuto…

Ma intanto ci stava pure il titolo punta di Arc System Works, e… WOW!

Dovrebbero mettere Guilty Gear tra gli eccitanti conosciuti in natura, insieme alla caffeina. Tanto che, guardando quello, passa pure il sonno. Storia vera.
Ogni volta il gioco riesce a tirare fuori dal cilindro BACINELLE DI ADRENALINA per la grande qualità dei match che ben rispecchia quella del gameplay – tecnico e veloce come pochi – e con zero tempi morti per tutto il torneo.
Sarà anche colpa dei giapponesi? Beh, la Top 8 è stata invasa da abitanti del paese del Sol Levante. Oriental Express. Poca varietà nella nazionalità, ma moltissima nei personaggi, tutti diversi.
Però ce n’è stato uno, tra quelli, che… boh… ho pensato seriamente che in questo gioco non dovrebbero depotenziare i personaggi, MA I GIOCATORI!
Tutti tranne lui però:

faust

Quando usi Faust ma ti cali troppo nel personaggio.

Dicevo… Omito… quel Johnny… un mostro. Se volete pulizia su combo e punizioni, lui è migliore.
Una Grand Final un po’ a senso unico, ma c’era poco da fare, anche per il grandissimo Leo di Tomo (autore dell’eliminazione di Ogawa, campione 2015, con un DOPPIO PERFECT), l’unico ad aver vinto almeno un match contro il campione attuale, il quale, fino ad allora, non aveva MAI PERSO!
Nemmeno la mia Jam è passata mannagg (giocata da Teresa… sì, è giapponese, e non è una delle mie zie).

Ma, ripeto, Johnny non aveva quasi senso.
Un automa quasi.
Preciso quanto letale e bello da vedere.

Arrivato a questo punto non c’ho visto più e ho dovuto riposare un po’ per prepararmi alla giornata finale del 16, con circa 15 ore ininterrotte di streaming, quindi Smash Melee e Injustice 2 sono riuscito a recuperarli fuori dalla diretta e… beh, sarà stato proprio questo fattore, o la qualità forse troppo elevata dei tornei precedenti (Dragon Ball compreso) e dei giochi stessi, ma questi ultimi sono stati quelli meno emozionanti a mio parere. Ma, attenzione, non fraintendete: parlo comunque di bellissime finali eh, con bei momenti e belle prove da parte dei giocatori, come la Peach di Armada su Melee, uno dei favoriti da sempre – che meno male non ha dato la vittoria ad un giocatore di Fox – e il Flash di HoneyBee su Injustice 2, che ho tifato fino alla fine… senza successo.
“Amore non corrisposto”.
Un pg totalmente corpo a corpo, con setup interessanti e buone combo da ogni possibile posizione, con tanto di un bellissimo recupero del giocatore verso la possibile vittoria, e pure una finale combattutissima, per non parlare del bellissimo momento delle Loser Finals vinte con la Super Move… ma niente, alla fine l’ha spuntata il buon Dragon con il suo Aquaman, che comunque non è roba da poco, anche come scelta del pg. Di certo meno banale e ripetitivo di un Superman che spamma laser, vero Theo?
Sarà per le cose scritte prima, o per il gameplay che porta a spam e ad alcune azioni/combo, soprattutto in corner, non troppo spettacolari, ma, ripeto, tutto molto bello e finale più che buona, anzi… però, personalmente, usando una citazione discutibile: “bene ma non benissimo”.

Una delle cose più belle? SonicFox che finalmente perde un torneo di un gioco NetherRealm dopo 4 anni, con tanto di Perfect subito dalla Catwoman di Sumiij e botte prese proprio da parte di HoneyBee! Ah, cosa non è stato quel giocatore… questa finale mi è piaciuta grazie a lui praticamente.

Ma a proposito di spam: l’ultimo giorno è partito in quarta con la finale di Marvel vs Capcom 3 (Ultimate ovviamente), per il suo ultimo torneo dopo 6 anni di onorata carriera, prima del rimpiazzo col nuovo Marvel vs Capcom Infinite per il prossimo anno.

Un torneo che vede favorito il campione in carica NYChrisG, americano tra gli americani nella Top 8… e differenza di un unico “straniero”, un canadese che ho voluto tifare anche solo per la guerra “USA-CAN” portata avanti in solitaria.
Poteva risultare tutto “già previsto” e, quindi, un po’ “banale”, con la vittoria di ChrisG e il suo spam di Soul Fist con Morrigan, ormai conosciuto da tutti, che trasforma UMvC3 in un vero e proprio BULLET HELL che nemmeno Touhou… E INVECE NO!
RYANLV, con un ulteriore spam finale, stavolta DOVUTO, con il potere della Dark Phoenix, è riuscito a portarsi a casa la vittoria stando dalla distanza per la paura dell’unico personaggio rimasto con pochissima vitalità. Ultimo torneo, con Doom e Magneto in ogni dove e spam potentissimi, ma con combattimenti sempre velocissimi e tecnicissimi, poi un nuovo campione… e anche Marvel finisce col botto!

Ma non è finita qui per MvC!
Perché ad un certo punto sono saliti sul palco ComboFiend – prima vecchio giocatore professionista e ora sviluppatore Capcom – e Fchamp – giocatore di Street Fighter e MvC – per una dimostrazione in live di Marvel vs Capcom Infinite!
Ecco che quindi partono con i match: Captain Marvel e X (Megaman) contro Chun-Li e GAMORA! Ah, finalmente rivelano il gameplay di Gamora dopo averla mostrata solamente nei trailer cinematici! Ed è bellissima, con quel mix di spada e armi da fuoco.
E si nota anche un leggero miglioramento alla faccia di Chun-Li, finora presa di mira da TUTTI (me compreso) per il suo design veramente pessimo (e non è l’unica).

Bene così, fini- aspettate, un altro match… vanno alla scelta personaggi e… JEDAH DI DARKSTALKERS??
Dopo rumor su rumor, eccolo che viene confermato direttamente con una prova in-game, e comincia l’hype della giornata con il personaggio più bello del roster di Infinite mai mostrato finora!
Passare dalla faccia di Dante (MEH) a Jedah fa capire quanto ancora ‘sto gioco possa migliorare nel tempo che manca fino a Settembre, mese del rilascio nei negozi.
Bellissimo personaggio anche nel gameplay, ma, ehi, meglio guardarlo subito in azione:

Ormai l’adrenalina stava salendo a dismisura, e tra la dinamicità di UMvC3 e l’annuncio di Jedah su MvCI, il prossimo gioco non poteva non aumentare questa tirata di eccitante: il ritorno di Arc System con Blazblue Central Fiction!
E CHE ECCITANTE!
Ricordate la frase “Dovrebbero mettere Guilty Gear tra gli eccitanti conosciuti in natura, insieme alla caffeina”? Ecco: aggiungeteci Blazblue. Anzi, facciamo prima e metteteci tutta l’Arc System proprio, perché i suoi giochi SONO FATTI DI ADRENALINA PURA!
Il cuore a mille in questa finale! Una delle più belle di tutto l’evento per qualità generale ed emozioni provate, una di quelle che ti fanno apprezzare l’EVO e il genere del picchiaduro!

Prima ci sta la fiera degli zoner e dei combattimenti a distanza con la favorita del gioco, Nine. Ma quest’ultima non passa, e si passa alla fiera delle punish e dei counter. Piovono Perfect su giocate fenomenali senza respiro. Losers Finals che sembrano Grand Finals, e Grand Finals che fanno pure di meglio. Ci sta anche lo spazio per le risate con un teabag dei giocatori allo scadere di un match. Poi il comeback, il ritorno tra i Winners del Loser, il bellissimo reset prima e un 2 a 2 dopo, con la vera Grand Final, fatta di perfect blocks, Overdrive a non finire, il conteggio che si ferma all’ultimo secondo, ansia, panico… C’ERA DA URLARE A MOMENTI!
Ma ecco che Ryusei, giocatore che sembra uscito da un “anime” per il suo carattere espansivo e quasi “carnevalesco”, blocca l’ascesa del FANTASTICO Jin di Fenritti con il suo piccolo Carl Clover. Piccolo come anni e statura, ma un MOSTRO in combattimento. Ancora non riesco a capacitarmi dei suoi blocchi perfetti e del suo pressing inumano. Ogni volta che partiva all’attacco, c’era da avere paura. Anzi, terrore.

Finale da tachicardia, solo bella.

Ma Arc System, dopo le finali di Guilty Gear e Blazblue, aveva ancora tanto da dire.
All’ultimo giorno di EVO bisogna strafare no? D’altronde, anche gli altri hanno annunciato – e dovevano annunciare – un paio di cose… ma questo momento, ah, cosa non è stato…
Arriva un trailer a tradimento, legato proprio a Blazblue Central Fiction, con l’annuncio di un nuovo personaggio giocabile, un personaggio CHIAVE nella serie, richiesto da tutti i giocatori ormai da troppo tempo: l’eroe-gatto Jubei, in arrivo quest’estate!

Ed è così che salgono sul palco quelli di ArcSys… sì, dopo il trailer di Jubei. Perché quello non era il vero annuncio a quanto pare. No no.
Non solo ora devono strafare con i loro gameplay esagerati, ma anche con gli annunci.
Certo, tempo fa dissero di voler aumentare il numero di titoli da sviluppare, oltre ai soliti GG e BB appunto (tralasciando quelli in cui fanno solo da publisher), ma, a quanto pare, Dragon Ball FighterZ non bastava.

E parte un altro trailer… “UPCOMING PROJECT ANNOUNCEMENT“…
“Ehi, ma quelli sono Ragna e Jin di Blazblue… quindi è un altro Blazblue? E vabb- NO, ASPETTATE… Yu Narukami di Persona 4? Hyde Kido di Under Night In-Birth? COMBATTIMENTI IN TAG CON TRE SERIE UNITE? COSA SUCCEDE?”

SBAM! Arriva il titolo: Blazblue Cross Tag Battle… MA NO, ARRIVA ANCHE RUBY ROSE DI RWBY, web series di Rooster Teeth! COSA C’ENTRA? DI CHE PROGETTO STIAMO PARLANDO?
Non lo so, ma ormai, tra questo e le finali fuori di testa appena finite, il mio cervello era entrato il pappa… ED È STATA UNA SENSAZIONE BELLISSIMA!

Un crossover tra Blazblue, Persona 4 Arena, Under Night In-Birth e RWBY? Ma che si fumano? Roba buona sicuro. E a me piace così.

“Bene dai, calmiamoci un po’, ora tocca alle finali di Tekken 7, quindi basta annunci fino al suo finale almeno.”
… E annunciano l’arrivo di un trailer di ARIKA.
… Eh?

Ok, ho già parlato della nascita del loro picchiaduro (giocabile nel loro stand) come Pesce d’Aprile, no? Doveva rimanere tale… no? Una bella idea che ricorda i tempi di Street Fighter EX (non proprio una serie bellissima ma rimasta impressa nei cuori nostalgici, come il mio), ma ha solo tre pg e due arene, molto “embrionale” come cosa, giusto per l’obbiettivo scherzoso del progetto… NO??
NO!
Hanno scherzato con i nostri sentimenti e, viste anche le tantissime richieste dei fan, ora il gioco ESISTE e verrà rilasciato UFFICIALMENTE!
SI TORNA INDIETRO AGLI ANNI ’90!
Ecco che quindi parte la vecchia canzone Rising Dragon di SFEX, lacrimuccia nostalgica, Kairi, Hokuto (ora Shirase) e Garuda in azione, con un gameplay che, anche se con alcune novità, ricorda tantissimo SFEX, per l’appunto, nel bene e nel male. E poi… SKULLOMANIAAAAAAA!
Sì, certo c’è anche Darun Maister, MA SKULLOMANIA È TUTTO!
Finalmente posso tornare a vestire i panni dell’operaio supereroe wannabe.
Ma quando? E com- SU PS4? BETA A FINE ANNO? AH!
E io che pensavo fosse un piccolo “indie” esclusivo su PC e senza una data… MEGLIO DI QUEL CHE MI ASPETTASSI!

Non ha ancora un titolo, se non un “EX”, ma ok, un altro picchiaduro si aggiunge alla lista della spesa.

Ma ecco che è inizia il turno di quello che, ultimamente, è diventato per me una droga da compagnia (come se non bastassero gli altri titoli): il già accennato Tekken 7.

Non mi ha mai attirato al 100% come serie, seppur mi piaccia non poco, a parte un paio di capitoli (non avrei giocato la serie al completo se no), ma questo settimo capitolo lo sto trovando veramente molto valido, e l’incremento dei partecipanti del ben 130% in questa edizione dell’EVO di Tekken dice tutto. Anche l’uscita su console dopo 2 anni di arcade, in effetti, lascia intendere qualcosa.

Ma mai, il torneo su Tekken, è stato così popolato come quest’anno.
Ed è un bene, visto che, anche qui, la qualità è stata davvero altissima in generale. Anche se, nella Top 8, ci sono stati i matchup più prevedibili, compresi lo scontro finale e il vincitore, tutti favoriti da sempre: tripletta coreana nel podio, con JDCR, Saint e Knee. Il primo che vince sul secondo, un combattimento tra due giocatori che dura da molto prima dell’EVO. MOLTO prima.
Ma JDCR ha meritato finalmente il titolo di campione che, su tre anni di Tekken 7 all’EVO, non è mai riuscito a conquistare. Fino ad ora.
Finale prevedibile magari, ok, ma non di certo noiosa, anzi, ho anche pensato che in finale ci passasse Taisei, un giapponese Steve-main che, tra letture su low parry e counter, mi è piaciuto tantissimo, o ancora un inaspettato Eddy Gordo di JeonDDing, un altro coreano che ha dato pure filo da torcere al campione… ma, beh… i coreani su Tekken sono abbastanza OP, soprattutto il Jack-7 di Saint e il Dragunov di JDCR (per non parlare del suo Heihachi, in quanto doppio main), che hanno comunque disputato una grandissima finale, come hanno sempre fatto in questi ultimi tempi.
E non dimentichiamo quelle piccole cose che rendono questa nuova incarnazione della serie ancora più interessante da vedere – soprattutto se i match vengono giocati a questi livelli – come lo slow motion, a primo impatto un’aggiunta forse “insulsa”, ma una volta vista in azione, soprattutto se si è DENTRO lo scontro, diventa una delle scelte più geniali di sempre.

Eh sì, Tekken 7 si è comportato davvero bene quest’anno.

E poi… annunci in arrivo?
Ormai Arc System, poco prima, mi ha abituato, forse male, ma è da un po’ che circolava la voce di un nuovo personaggio DLC di Tekken 7, quindi ovvio che ci si aspetta una cosa del genere no?
Ecco infatti… la producer di Dragon Ball FighterZ?
ARC SYSTEM, SMETTI- ANZI NO, CONTINUA!

Certo, DBF è un gioco in cui ArcSys e Bandai Namco fanno squadra, quindi ci sta. E se si parla di Dragon Ball, soprattutto su un gioco con una cura dei dettagli così esageratamente maniacale, allora possono fare tutto quello che vogliono per me.
E infatti hanno fatto partire il trailer di Trunks, fino ad allora mostrato solo su immagini.
Basta? Certo che no. Dopo bisogna anche dire che verranno annunciati due personaggi in seguito (poi mostrati proprio due giorni dopo con la rivista V-Jump: Piccolo e Crilin) e che il 26 inizierà la registrazione alla closed beta con i 9 pg presentati giocabili. Eccerto.
Perché non bastava l’hype che già mi ha fatto esplodere dal suo annuncio all’E3.
“Aiutatemi”.

Come detto prima però, Bandai Namco non ha finito mica con questo.
Katsuhiro Harada, produttore/direttore di Tekken, era lì, e aveva qualcosa.
Doveva esserci un trailer per Tekken 7. I rumor hanno parlato chiaro stavolta.
E infatti… GEESE HOWARD DA FATAL FURY!
PREDICTABLE!
Dopo Akuma, uno degli antagonisti principali dei picchiaduro Capcom, arriva su Tekken anche Geese, uno degli antagonisti più carismatici di sempre firmato SNK!
Heihachi, Akuma, Geese… Bandai Namco, Capcom, SNK… Un sogno che si avvera!
Un crossover mai visto in un gioco che NON è tale!
Harada maledetto, perché ti devo amare così tanto ora?!
E ha pure lo stage apposito… con tanto di gameplay che riprende la Max Mode da The King of Fighters… basta, devo organizzarmi il Season Pass di Tekken 7.
SOLO BELLO!

Dopo tutto questo delirio di magnifiche finali e grandissimi annunci, ormai niente poteva più aumentare la mia sete di ROBENUOVE e il mio HYPE, ormai fuori controllo… E INVECE!

Super Smash Bros WiiU è uno dei giochi che meno mi interessa per quanto riguarda il genere in questione, soprattutto se si parla dell’EVO… ma anche in quel titolo sono riusciti a giocare una bellissima finale che non mi sarei mai aspettato!
C’è una frase, una citazione, perfetta per lo scontro finale: “DON’T F**K WITH A WITCH!
Salem, giocatore di Bayonetta, ha fatto un piccolo miracolo, risalendo dai loser, resettando il conteggio portando con sé il finalista Zero e il suo pericolosissimo Diddy Kong tra i Loser, un match finale combattuto alla pari fino alla fine, ultimo round rimasto quasi perso, con più del 100% di danni subiti e… SBAM! Capolavoro d’azione finale al limite dello schermo superiore!
Se vedo Bayonetta mi innamoro, ma se la vedo vincere ANCORA MEGLIO!
Salem top, Zero torna a casa secondo con la sua scimmietta, e anche Smash 4 fa il botto.
Bene così.

Ovviamente non ci stava nulla in cantiere per Smash, quindi niente annunci per stavolta, si doveva passare direttamente alla finale di Stree- NOPE!
Prima un paio di cosucce ucce ucce.

Tipo, che so… LA CLOSED BETA DI DISSIDIA NT!
Perché, a quanto pare, anche la Square vuole provare la via del competitivo, quindi non c’è posto migliore dell’EVO per annunciarlo no?
Che possa farsi spazio come gioco principale della prossima edizione dell’evento?
Mh… sinceramente non ce lo vedo… forse perché non parlerei di Dissidia come un “picchiaduro”, anche se, su carta, lo è, ma allo stesso tempo non mi dispiacerebbe, quindi vabbè, perché no.

Intanto mi iscrivo.

dissidia nt

Link alla registrazione europea sulla beta PS4 di DISSIDIA NT pronta all’uso! http://beta.software.eu.playstation.com/it-it/DFFNTBETA

Successivamente si è parlato proprio dell’EVO, della sua crescita, del grande supporto avuto in tutti questi anni, e… DELLA DOPPIETTA!

Il prossimo Gennaio, infatti, l’EVO si sdoppierà e sbarcherà pure in Giappone, con la divisone EVO JAPAN! Un evento di questo calibro per due volte all’anno, sia in America che in Giappone? E che posso dire se non “MA ANCHE TRE EH”!
Quindi: 26 Gennaio 2018, con Street Fighter V, Tekken 7, The King of Fighters XIV, Guilty Gear Xrd Rev2, Blazblue Central Fiction, Super Smash Bros WiiU e… ARMS??
Qua le cose cominciano già a farsi particolari.

E seguirò anche questo di sicuro. Sperando in bene per gli orari ovviamente.

E finalmente si passa alla finale delle finali, quella su Street Fighter V, il gioco che mette e che ha sempre messo fine all’EVO grazie al suo numero sempre altissimo di persone giocanti.

Di solito piazzano un annucio ad esso legato dopo la fine di tutto, come un “arrivederci”, ma stavolta no, perché Yoshinori Ono di Capcom aveva voglia di mostrare il trailer del nuovo personaggio da subito, un pg che già stava sulla bocca di tutti dopo numerosi rumor, uno che arriva direttamente dal 1989, da un altro titolo Capcom: Final Fight. Su SF, per la prima volta, arriva: Abigail!

Ed è… brut- bell- ASPÈ, MA CHE È ‘STO COSO ENORME E SPROPORZIONATO?
È… ah… ma entra facendo “BRUM BRUM” e “SKREEEEK” con la bocca, come se fosse in macchina… ed è altro due metri e mezzo, e largo uguale… ma questo ha il cervello diviso nei bicipiti… e usa l’avversario come punchball nella sua Critical Art… ma È STUPIDAMENTE BELLISSIMO!
È così brutto che fa il giro e diventa bello. L’esempio perfetto di “tutto muscoli niente cervello”. L’ignoranza pura! Ma io questo pg  lo userò anche solo per prendere in giro le genti. Merita anche solo per qualche risata.
Anche se, come gameplay, in verità non mi sembra nemmeno malaccio. Anche meglio di Hugo, l’altro gigante della serie.  I suoi setup e le sue mosse  che spaziano da command grab a hit in motion e/o cariche su doppi tasti premuti, con tanto di mosse in armor (e armor break pure) mi ispirano… mh…
Certo, ha pure un gioco di gambe inesistente ed è lento come poche cose, ma con quello che tiene è anche giusto… ma quella faccia di m-

E visto che stiamo parlando di gente grossa… ho sperato in una cosa durante questa Top 8 finale… La presenza di un Zangief, di solito, è inaspettata, a meno che non stiamo parlando del giocatore Snake Eyez, ma Itabashi… mannaggiallui, avrei voluto vederlo campione!
Ma va benissimo così, perché c’era lui: TO-KI-DOOOOOOO!

MA-DON-NA, L’HYPE CHE C’È STATA IN QUESTA FINALE DI SFV!

Quell’Akuma… già solo il nome dice tutto. Akuma vuol dire diavolo, demone… e Tokido lo è stato! UN VERO DEMONE ASSETTATO DI SANGUE! Anche con lui parliamo di un’ascesa dai Loser, con ben 2 player sconfitti di fila, poi Grand Finals con la Karin di Punk – uno dei giocatori più forti dell’anno per questo riguarda partite e tornei vinti -, resetta tutto vincendo, quindi, 3 set di fila, E VINCE PURE CON UN ASSURDO 3 A 0, ACCECATO DALLA FOGA DELLE VITTORIE PRECEDENTI!
E Punk non si è nemmeno comportato male, a parte l’ultimo set (ormai affogato nel panico), per non parlare degli altri giocatori, come il già citato Itabashi o Kazunoko (altro vecchio campione), ma Tokido, aiuto… troppo pompato, TROPPO! COSE UFO, con parry perfetti e hit confirm ISTANTANEI!

FE-NO-ME-NA-LE!

Anche SF, con i suoi grandissimi giocatori, non ha deluso nemmeno quest’anno, anzi, sono riusciti a portare, anche loro, una grande varietà di personaggi, con alcuni grandi ritorni e pure delle modifiche di main. E ringrazio anche la Season 2.5 del gioco per questo, che finora ha portato quest’ultimo al suo apice grazie a delle buone patch di bilanciamento.

Street Fighter rientra assolutamente tra i top dell’EVO, insieme a The King of Fighters e Blazblue, seguiti a ruota da Guilty Gear e Tekken, senza sminuire i due Smash e Injustice ovviamente. Soprattutto Smash WiiU.

Grandissima finale per un grandissimo evento che, ripeto, tra tornei al cardiopalmo e carrellate di annunci, inaspettati e non, mi hanno fatto passare tre giorni grandiosi all’insegna di questo genere videoludico altrettanto grandioso; giorni che mi hanno confermato, per l’ennesima volta, quanto ami i videogiochi e quanto ritenga il picchiaduro uno dei miei generi preferiti in assoluto, per l’adrenalina che riescono ad iniettare indirettamente nel corpo, anche solo guardando, e tifando, altre persone che ci giocano. Come uno sport… ma, ehi, ormai si parla a tutti gli effetti di eSport! D’altronde, la finale di SFV è stata trasmessa, in America, pure dal canale EPSN2.
E non è poco!

Il “vuoto” arrivato subito dopo, poi, è stato… strano.
In seguito a tutta ‘sta “betoniera di emozioni” che ha mischiato agitazione, stupore, felicità, frustrazione, paura, rispetto, risate, appagamento, e tonnellate di HYPE (ci sto ancora dentro), è arrivato il momento degli “addii”, con tanto dei cosiddetti “feels“, e le lacrime di gioia e di commozione di commentatori – parte VITALE di tutti i tornei, come il sempreverde James Chen – che hanno reso questo evento ancora più speciale.

Sarò anche ripetitivo ma: una bellissima esperienza data da un bellissimo evento che spero con tutto me stesso, prima o poi, di poter vivere in prima persona, anche solo come spettatore.

E ora ci si organizza: beta di Dissidia NT già richiesta, beta di Dragon Ball FighterZ il 26 di questo mese, beta di “EX” (ARIKA) per fine anno, Marvel vs Capcom Infinite a Settembre, Jubei in questi mesi (su un capitolo di Blazblue che devo ancora recuperare), Geese su Tekken 7 in Inverno, Fight Money per Abigail su Street Fighter V già pronti, e 2018 all’insegna dell’uscita del prodotto completo di Dragon Ball, Blazblue Cross Tag Battle, il gioco di ARIKA, un possibile nuovo progetto SNK e tanta altra roba possibile, tra DLC e giochi nuovi.

Il mio cuore è colmo, ma il mio portafogli no.
Mannaggia a me che gioco ogni cosa…

Ma come ha detto lo stesso Tokido post-finale: FIGHTING GAMES ARE GREAT!

tokido

https://twitter.com/Bosslogic/status/886964723333316608

(Si ringraziano i vari canali per le clip delle finali, The Geeks of Baja in primis, oltre, ovviamente ai canali principali di Capcom, Bandai Namco, Arc System Works, Arika ecc.
E soprattutto ringrazio tutto lo staff dell’EVO, i giocatori e gli sviluppatori di ogni titolo.
CI VEDIAMO NEL 2018!)