Share

3DS_Picross3DRound2_coverblu-estasiDa videogiocatore, mi piace buttarmi in avventure profonde e complesse, con una storia avvincente e articolata. Esperienze che ti trascinano in mondi alternativi e riescono a intrattenere per numerose ore. Si tratta di titoli che spesso assumono la forma del gioco di ruolo, ma che, purtroppo, non si prestano per delle sessioni di gioco più brevi. Se ho una mezz’ora libera non mi voglio buttare su una nuova quest, che lascerei inevitabilmente a metà. Preferisco allora una partita mordi e fuggi a qualche altra tipologia di gioco. Qui entra in campo Picross.
I titoli della serie sono ormai molteplici e la meccanica di base è sempre la stessa: colorare una serie di quadrati, così da dare vita a una figura compiuta. Un concetto semplice, ma sorprendentemente coinvolgente, in particolar modo in questa variante tridimensionale.
Le prime sfide sono più che abbordabili, creando una morbida curva di apprendimento, coadiuvata anche da esaurienti tutorial. Ben presto però i modelli da svelare si fanno complessi e richiedono impegno e concentrazione per essere risolti. Il grande merito della formula di gioco è di non diventare mai frustrante, anzi restando un’attività comunque rilassante. È vero, Picross 3D: Round 2 tiene traccia del tempo di risoluzione, oltre che degli errori commessi, offrendo un riferimento per chi vuole mettersi alla prova più duramente. Tuttavia consente anche di scalare l’esperienza, offrendo diversi aiuti per guidarci verso la soluzione o, quantomeno, per permetterci di superare qualche noioso momento di stallo.
Soddisfa anche per il numero di puzzle presenti, più che sufficienti a intrattenerci per un elevato quantitativo di ore. Risolvendo quelli presenti andremo via via a sbloccare nuovi livelli, alcuni dei quali presentano delle piacevoli varianti, come le prove a tempo. Picross 3D: Round 2 è una vera perla per 3DS, sebbene qualcuno potrebbe storcere il naso all’idea di sborsare altri soldi sonanti per affrontare un tipo di gioco già visto in tante forme e che conta diversi cloni gratuiti su mobile. Resta che l’esperienza su 3DS è più gradevole, grazie anche all’ottima integrazione con il touch screen. Unica avvertenza: lo inizierete per affrontare un puzzle e vi troverete incollati allo schermo per molto più tempo della preventivata sessione mordi e fuggi.