Share

Salve terrestri, ricordate lo stupore all’E3 di quest’anno quando, senza che nessuno se l’aspettasse, Microsoft sparò la cannonata di XBox One S e la botta finale con Project Scorpio… e lì tutti a chiedersi, che diamine avessero in testa, per annunciare due console in un colpo solo?

Ammettiamolo, tutti abbiamo pensato ad una parolina diversa da cannonata, che iniziava comunque con “ca” e finiva con “ata“. Annunciare una riedizione di XBox One (o una versione migliorata, come abbiamo visto in un precedente Avvistamento) e poi buttare nel mucchio una vera e propria console nuova, non era certo sintomo di lungimiranza. E invece, Phil Spencer, il capoccia di XBox, vuole rassicurare tutti coloro che nutrono dubbi sul fatto che XBO e XBOS (basta!) potessero finire presto in una “scatola” giù in cantina.

La risposta dei consumatori è stata grande, grazie a tutti. Alcuni pensano che Scorpio possa mettere in ombra S, non è così.

E in tutto questo, i servizi online di XBox 360, tornati in voga con la retrocompatibilità, online, che fine faranno?

I server Xbox 360 resteranno attivi per anni. La retrocompatibilità ha ovviamente reso i giochi 360 molto più rilevanti.

Quindi terrestri, fermi tutti, non mettete le “Scatole” nelle scatole, perché ancora Microsoft intende supportare a lungo le sue console… a meno che presto non ne annunci un’altra!