Share

Come ormai saprete il nostro Marchiato è sempre in viaggio negli abissi inesplorati del videoludico a caccia di forme di vita sorprendenti ed esotiche. Si immerge senza timore nelle oscurità più profonde dello spazio più remoto  spinto da quella  curiosità insaziabile che gli dona capacità di osare e un filo d’incoscienza.

Eccolo fronteggiare  opere misconosciute di cui persino gli autori faticano a ricordare l’esistenza (in alcuni casi di proposito…). Ammiratelo mentre con coraggio extraterrestre, e perizia certosino-marziana, scandaglia i fondali dei cestoni più defilati e in ombra delle galassie.

Ritorna proprio adesso dalla sua prima “battuta di caccia”, scopriamo insieme cosa ha trovato…

••••••

kaanKAAN – Uscita: 1 novembre 2002 • Genere: Piattaforma, azione, avventura
Disponibile per: PC, Playstation 2 • Giocato su PC

Avete presente quei giochini che si installano giusto per vedere lo stile, l’inizio… magari anche solo il filmato iniziale, oppure solo per lo sfizio di farli girare a impostazioni ultra, visto che non richiedono i PC della NASA?
Ecco, con KAAN ero proprio partito da questi presupposti. Un Plattform in 3D che ricorda molto le vecchie glorie, senza però eccellere particolarmente in nessun comparto. Tuttavia piacevole, con dei bei paesaggi e combattimenti scorrevoli. Un Conan in fasce, diciamo, con una grafica “fumettosa” e livelli molto lineari. Per quel che ricordo, la classica storia del guerriero che deve salvare la principessa rapita e imprigionata, e un sistema di combattimento all’arma bianca con diverse combo da padroneggiare. Un titolo semi sconosciuto che non spicca particolarmente, ma che non so per quale strano motivo, mi ha lasciato un bel ricordo.

••••••

darkest

Darkest of Days – Uscita: 8 settembre 2009 • Genere: Sparatutto
Disponibile per: PC, Xbox 360, Mac OS X • Giocato su PC

Che dire?! Avete presente quando si ha voglia di un giochino scorrevole che non impegni troppo? Ecco, Darkest of Days si presta perfettamente a quel tipo di esigenza. Quello che però mi ha piacevolmente sorpreso è che si presenta con una certa cura e originalità. Ambientato in un ipotetico futuro (che non vedremo mai), saremo chiamati a effettuare viaggi nel passato per modificare alcuni avvenimenti specifici, e salvare delle persone, compiendo azioni che avranno ripercussioni sul presente. Non si parla sicuramente di capolavoro incompreso, anzi, ma viaggiare nel tempo per cercare di cambiare leggermente la storia, è un tema che affascina. Metteteci una grafica gradevole, ambienti abbastanza vasti e armi originali delle varie epoche, più un sistema di controllo in linea col genere, e avrete alcune ore di buon intrattenimento. La cosa odiosa, e che pur sforzandomi non riesco proprio ad accettare, è sicuramente il pessimo finale. Lascia proprio una sensazione di incompiuto e influisce sul mio giudizio finale.

••••••

StubbsStubbs The Zombie in Rebel Without a Pulse  Uscita: 18 ottobre 2005 • Genere: Azione
Disponibile per: Xbox, Mac OS X, PC, Xbox 360 • Giocato su PC

“Un esperimento unico e ben riuscito”. Questo è quello che ho pensato, e penso tutt’ora, ormai finito questo simpatico e interessante gioco un po’ fuori dal comune (e anche di zucca :D). Con un tono che sa di vintage e colori un tantino spenti, ci troveremo ad impersonare uno Zombie. Il Signor putrefatto Stubbs, che grazie al dono della furbizia, cercherà di sopravvivere agli “umani” che vorranno a tutti i costi la nostra morte eterna. Le situazioni che si andranno a creare sono tanto strambe quanto utili alla nostra sopravvivenza. Sarà richiesta anche una buona dose di tattica nell’affrontare le varie situazioni. Potremo, ad esempio, mordere i passanti e inondare letteralmente interi centri commerciali di non morti assetati di carne fresca, creando così confusione per raggiungere il nostro obbiettivo. Avremo a disposizione anche alcune abilità speciali, come prendere il controllo di un qualsiasi personaggio grazie alla nostra mano removibile, e quindi liberarci la strada o accedere a zone difficilmente accessibili perchè troppo sorvegliate …anche a suon di proiettili, prendendo ad esempio il controllo delle forze dell’ordine. Insomma, provare l’ebrezza di giocare nelle vesti di uno Zombie si è rivelato davvero divertente.

••••••

lulaLula 3D – Uscita: 23 giugno 2005 • Genere: Avventura
Disponibile per: Microsoft Windows • Giocato su PC

La serie Lula, in realtà, nasce come gioco gestionale, e nello specifico si tratta di aprire e gestire un’azienda a luci rosse, fra riviste, film e accessori vari. Il tutto con toni molto provocanti e abbastanza spinti. Con questo terzo capitolo però si è provato a cambiare musica, proponendo una vera e propria avventura erotica, condita da una buona dose di ironia. A mio parere sono riusciti molto bene nell’intento. Molto più dello storico gestionale per lo meno. Portando Lula in 3 dimensioni ne vestiremo i panni in terza persona, tipo Lara di Tomb Raider per intenderci (…e la prosperità diciamo che le accomuna :D), e saremo chiamati ad indagare su misteriose scomparse di attrici, le quali avrebbero dovuto girare dei film per adulti. Interessante no?! Un’avventura che prende un pochino la strada del poliziesco e che, grazie al fascino della biondona in déshabillé, ci offrirà soluzioni insolite per raggiungere i nostri obbiettivi. Di base trattasi di un punta e clicca con un ricco inventario e possibilità di combinare oggetti fra loro. La difficoltà non è troppo alta, ma sarà richiesto comunque un certo impegno per proseguire e i dialoghi sapranno strapparci qualche risata. Il mondo di gioco, in pieno stile cartone animato, non risulta troppo vasto, ma si presenta molto curato e dettagliato, mentre avremo la possibilità di interagire e ricevere descrizioni con un po’ tutto quello che ci circonda da buona avventura. Ah… tenere lontano dalla portata dei bambini… e anche dalle mogli maliziose 😉