Share

Salve terrestri, vi siete ricordati di giorno 22 e della sfida lanciata da Ubisoft per ottenere gratuitamente Trials of the Blood Dragon, vero? VERO?

No? Beh, poco male, anche perchè Ubi è riuscita a far buggare pure una semplice demo. AHAHAH.
Scherzi a parte chi, come me, si è cimentato nell’impresa di finire la versione dimostrativa con al massimo 15 errori avrà avuto un’amara sorpresa. Dopo appena due livelli, o meglio superati il tracciato 0 e il tracciato 1, ecco che il gioco ci chiede di essere acquistato per poter continuare.
La prima cosa che si pensa è: “Beh, magari la demo era composta solamente da questi due tracciati e io sono riuscito a superarli, quindi tutto ok! Giusto?“. Sbagliato!

La sfida consiste nell’affrontare tutta la campagna con al massimo 15 errori. Purtroppo però Ubisoft ha comunicato di aver riscontrato qualche problema tecnico con i server e la demo, quindi solo pochi eletti sono riusciti a superare il fatidico tracciato 1.
L’unico consiglio che ci viene dato è di riprovare in attesa che il problema venga risolto completamente. Purtroppo ad oggi posso affermare che continuo a riscontare problemi, e il comunicato risale a giorno 22.

C’è però un modo per sincerarsi se siamo tra i fortunati oppure no. Una volta avviata la demo, se in alto a sinistra troviamo scritto “Demo version“, allora è inutile proseguire. Se, al posto di tale scritta, viene visualizzato fin da subito il conteggio degli errori, allora dateci dentro, perché tutto sta funzionando come si deve.
Ovviamente gli errori commessi in “Demo version” non verranno contati e vi ricordo che c’è tempo fino al 31 luglio per “tentare” la bravura.

Ah Ubisoft, se non esistessi dovrebbero inventarti… buggata.