Share

Salve terrestri, avete già acquistato una XBox One o aspettare di mettere le vostre mani sulla versione S? Se appartenete a quest’ultima schiera degli eterni indecisi, o dei profondi saggi (meglio), questa notizia non potrà che farvi piacere (e magari arrabbiare i primi).

Nella caterva di console annunciate in questi ultimi mesi, tra next-gen diventata current, e next next gen, che manco le magliette di taglia XXXL, ecco che arriva la botta finale. XBox One S ha una marcia in più della sua versione precedente, e non si parla solamente di 4K.
Secondo i testi condotti da Digital Foundry, opinabili quanto volete, ma sempre e comunque puntuali e presenti, la nuova console S, presenterebbe dei miglioramenti a livello di framerate (fluidità di immagini insomma) spesso tradotti in un numero meno ballerino di fotogrammi al secondo. Nel peggiore dei casi, ci troviamo con le stesse prestazioni della versione normale di One… e ci mancherebbe aggiungo io.

Attenzione, XOS (acronimi portatemi via) non è certo una bomba di prestazioni in toto. I titoli che trovano benefici sono solo alcuni, ma è comunque qualcosa in più, che a lungo termine, potrebbe motivare maggiormente l’acquisto di tale versione, per chi attendeva ancora il momento giusto.

In soldoni ecco alcuni dei risultati ottenuti durante i test:
Project Cars (visuale in prima persona) – fps maggiori in media del 7%, con picchi fino a 5fps
Project Cars (visuale in terza persona) – fps maggiori in media del 11%, con picchi fino a 9fps
Hitman con fps sbloccati – fps maggiori del 6,1% durante i filamti, 8,1% durante le fasi di gioco
Resident Evil 5 Remastered – fps maggiori in media del 2,5%
Tomb Raider – fps minimi fissi a 30, senza cali sotto tale soglia minima
Batman: Arkham Knight – fps maggiori in media del 4%
Alan Wake’s American Nightmare (in modalità retrocompatibile) – ridotti i cali sotto i 30 fps